I believe in the future (of Parco Dora)

Il Parco Dora si impreziosisce di un’altra opera artistica, frutto di un workshop organizzato di recente dall’Ass. Monkeys Evolution, realtà da anni nota nel panorama artistico torinese per le attività che svolge nel tentativo di coniugare l’arte, e il writing in particolare, con percorsi di riqualificazione urbana.

Come anticipato sul blog qualche settimana fa, “I believe in the future” ha rappresentato l’ultimo degli appuntamenti nell’agenda del “PicTurin – Torino Mural Art Festival 2011” ed è consistito in quattro giorni di pura creatività sui muri della città a opera di ragazzi under 25.
Uno dei muri principali del capannone dello strippaggio dell’area Vitali è stato così selezionato quale luogo idoneo per una sperimentazione artistica ad opera di cinque artisti giovanissimi, di età compresa tra i 17 e i 21 anni, allievi dei corsi dell’Associazione. Nel fine settimana dell’Immacolata, Amedeo, Maria, Davide, Barbara e Alex hanno reso manifesto quanto elaborato in gruppo in fase progettuale, durante la quale avevano cercato di pensare a un’opera adatta per essere inserita in quel particolare contesto urbano, con la storia e le vicende del passato industriale che l’hanno caratterizzato.

Come si può vedere passeggiando al parco o percorrendo via Borgaro, il murale è incentrato su una figura femminile, in stile greco-classico, che rappresenta la Dora. I suoi capelli si trasformano in acqua. Questo personaggio viene inserito, quasi fuso, in un piano prospettico (il quartiere) costruito secondo le regole della zoning art, da cui escono forme legate alle fabbriche e alla natura presente e passato del luogo.

“Sono molto soddisfatto del gruppo, sia per la qualità del lavoro, sia per l’eterogenicità dei soggetti – due ragazze, uno straniero, writer puri e non – sia per il bel clima che si è formato” ha dichiarato Bernanardo Scusatone, coordinatore dei lavori e membro dell’associazione. Sembra che la soddisfazione per il lavoro svolto sia stata condivisa anche dai giovani autori, a giudicare dal messaggio che hanno lasciato sul muro.

Annunci