Apre l’hortus conclusus!

Il lotto Ingest del Parco Dora si estende dove un tempo sorgevano i laminatoi delle Ferriere Fiat: degli stabilimenti sono stati conservati i plinti in cemento trasformati in vasche d’acqua, i pilastri che reggono la passerella e l’edificio di servizio lungo via Nole.

Dal 16 luglio l’hortus conclusus del lotto Ingest apre finalmente le porte al pubblico: per tre pomeriggi alla settimana chi si recherà al vecchio capannone di via Nole (di fronte al civico 55) potrà visitare gli spazi dell’hortus e scoprirne la suggestiva struttura. Oltre a osservare le piante che crescono al suo interno, i visitatori avranno la possibilità di portare a casa un po’ di verde nella versione “orto in cassetta”.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra il Comitato Parco Dora e Miraorti, il progetto per la promozione dell’orticoltura in città partito da Mirafiori: l’hortus ospiterà piccoli orti in cassette di legno che verranno realizzati e avviati all’interno della struttura per poi trasferirsi sui balconi degli appartamenti di città: per chi vorrà, all’hortus sarà possibile realizzare la propria cassetta o semplicemente prenderne una già fatta in cambio di una donazione al progetto Miraorti.

La struttura sarà accessibile il lunedì e il mercoledì dalle 13 alle 19 e il sabato dalle 15 alle 19,  in modo da accogliere nell’hortus con sedie e tavolini le tante persone, provenienti del centro Piero della Francesca e dalle aree circostanti, che utilizzano quella parte di parco per la pausa pranzo.

L’apertura dell’hortus è possibile grazie al supporto del Servizio Verde Pubblico della Città e al bando del Servizio Sviluppo Economico “Solidarietà e Lavoro Accessorio 2012”, finanziato da Compagnia di San Paolo.
Per informazioni potete contattare il Comitato.

Ecco in anteprima alcune immagini dell’interno dell’hortus, con le prime cassette già piene di compost:

Annunci